Fiori, colori e l’arte di mimetizzarsi

By | Abiti, Non categorizzato | No Comments

Mimetizzarsi è un’arte. Ci avete mai pensato? Molti animali si mimetizzano per nascondersi, per difendersi o per attaccare senza essere visti. Camaleonti, polpi, farfalle sono maestri di mimetismo, riescono a confondersi (o forse sarebbe meglio dire “fondersi”) così bene nella natura da beffare il proprio predatore o chiunque li osservi grazie a una particolare capacità di cambiare colore o, anche, di acquisire caratteristiche di altri esseri animali.

E noi? Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non ha desiderato di potersi mimetizzare, di poter diventare tutt’uno col paesaggio. Non per nascondersi, ma per riconnettersi alla natura, tornare a far parte di essa, dei suoi colori, delle sue forme, delle sue manifestazioni sorprendenti…

Non è un caso se la fotografa e bodypainter Orly Faya stia riscuotendo in Rete un successo stratosferico con i suoi scatti, in cui corpi dipinti diventano una cosa sola con l’ambiente tanto che, spesso, si fatica a distinguerli.

Come lei, anche Simona Chiaravalle, anima fondatrice di BkiB, conosce bene il fascino che emana la natura e la celebra secondo la sua visione da esteta, non con pennelli e macchine fotografiche ma con stoffe e colori, scegliendo sempre tessuti in cui i fiori, le fronde, i petali, i ramage -siano essi naïf o così ben fatti da sembrar veri- sono protagonisti. Si stagliano su pizzi, sbocciano su seta fluida, fanno capolino da damaschi e tessuti operati, esplodono sui broccati…

Provate a indossare l’abito-kimono che ha disegnato per la Primavera-Estate. Lungo alla caviglia, ha uno scollo all’americana, un incrocio che si chiude con velata sensualità sul décolleté, una cintura ispirazione obi e una stampa a esotici disegni cashmere nei toni del rosa carico e del giallo. E poi, con addosso questa meraviglia, recatevi alle mostre floreali ospitate nei giardini più belli d’Italia, che a maggio aprono i loro cancelli a un tripudio di colori e profumi.

 

 

 

 

Al Castello di Masino (TO), ai Giardini del Frontone (PG), ai Giardini Estensi (FE), a Orticola (mostra-mercato milanese di piante insolite e rare tra le più prestigiose a livello internazionale, che inaugura su invito con un dress code che impone cappellini floreali!) vi ritroverete immerse in un paradiso perduto.

Anzi, vestite BkiB vi sorprenderete a sentirvi voi stesse dei fiori, vestite di petali vellutati dai colori gioioisi, di una bellezza raggiante, assetate di sole, protese con orgoglio verso il cielo.

Mimetizzate con le piante e i fiori che vi circondano, ma solo per godere pienamente della bellezza della natura, che vi comprende e vi accoglie. Poi, verso sera, la bellezza non si affievolisce ma si accentua: alla prima brezza, basta infilarsi un kimono di seta damascata percorso da ramage in boccio. Che BkiB propone nelle sfumature della fuchsia, ovviamente!

Il vero lusso è… indossare un kimono e prendersi tempo per sé

By | Abiti, Eventi, Non categorizzato, trend | No Comments

Siete d’accordo? Il vero lusso, oggi, è potersi concedere del tempo. Non solo per riposare: le energie più preziose si recuperano facendo ciò che si ama. Ritroviamo noi stesse andando dove ci porta il cuore. A Bologna, per esempio, dove a Palazzo Albergati è stata appena inaugurata la prima grande mostra dedicata al Giappone classico. Infiliamoci un kimono di BkiB e perdiamoci tra queste meraviglie!

Da Hiroshige a Utamaro, da Hokusai a Kuniyoshi, tutti i più grandi artisti dell’Ottocento giapponese si fanno ammirare attraverso il mondo femminile delle bellissime Geisha e delle Ōiran (le cortigiane d’alto rango), il fascino di leggendari guerrieri, il racconto della nascita dell’ukiyo-e e le famose stampe Shunga ricche di erotismo, le opere che ritraggono gli attori del teatro Nō e Kabuki accanto a quelle che rappresentano il mondo della natura in tutte le sue manifestazioni, fiori, uccelli, paesaggi.

Durante il percorso di “Giappone. Storie d’amore e di guerra” si vive sospesi tra donne bellissime ed eroi impavidi, mondi visionari, animali fantastici e luoghi bizzarri e ci si immerge nella vita dell’epoca grazie all’esposizione di vestiti di samurai, kimono, ventagli e fotografie.

Un mondo suadente e fluttuante che BkiB è capace di far rivivere nelle creazioni in cui è maestra. I kimono più belli, tagliati nella seta preziosa dei più bravi tessutai italiani, sono concepiti da Simona Chiaravalle, fondatrice e designer del brand, per vestire i nostri momenti di pace, accarezzarci il corpo morbidamente e regalarci uno charme senza pari.

 

 

Ma anche -in nome di una versatilità tutta femminile- per accompagnarci con un’eleganza esotica e ammaliatrice dal cocktail serale in poi. Il kimono di BkiB, stampato a fiori dalle tinte neutre e soft, si infila, proprio come un classico spolverino, su un paio di jeans come su un abito sottoveste. Si sostituiscono l’obi con una cintura borchiata e rock, i geta con slippers di pelle o con sandali dal tacco massiccio e si è pronte per qualsiasi occasione!

Chi ha la fortuna di trovarsi in un posto caldo, può sfoggiarlo perfino come copricostume sciccosissimo in riva al mare o a bordo piscina, durante indimenticabili pool party. Il kimono di BkiB è la mise perfetta per concedersi il tempo di fare cose belle. Compreso andar per musei (PS la mostra sarà aperta fino al 29 luglio!).

Niente è più frizzante e spensierato di un caftano… rosa “Schiaparelli”!

By | Abiti, trend | No Comments

Pochi colori hanno una storia così intensa da raccontare come il rosa shocking, tinta vibrante e piena di energia inventata e utilizzata per la prima volta nella moda da quel genio incredibile che fu Elsa Schiaparelli, la couturière che rivoluzionò la moda dalla fine degli anni ’20 in poi. A lei dobbiamo l’introduzione delle prime sfilate di moda, collezioni tematiche che sono entrate nella storia ispirate al circo, alla musica, all’astrologia…

Le dobbiamo il binomio arte-moda, nato dalla sua grande passione per il Surrealismo, a cui rese omaggio con creazioni ancora oggi fonte d’ispirazione (l’abito da sera con maxi aragosta e il cappello-scarpa ideati insieme all’amico Salvador Dalì, i guanti effetto unghie laccate, i maxi insetti ricamati su pull e cappe, la stampa giornale, il maglione raggi X ispirato allo scheletro… ). Sono tante le innovazioni che portano la sua firma, a cui tanto devono i protagonisti della moda, a cui tantissimo dobbiamo noi, della moda innamorati.

Il rosa shocking trova nelle mani di un’altra donna dalla raffinata sensibilità, l’anima e fondatrice di BkiB Simona Chiaravalle, un’alleata speciale, abile interprete di una femminilità poetica ed eccentrica al tempo stesso. Il caftano che BkiB propone per l’estate è rosa shocking per sottolineare la bellezza di donne sicure di sé, gioiose, effervescenti.

 

 

È in seta lucente, con arricciatura a punto smock sul décolleté (così da poter abbassare la scollatura, lasciando scoperte con sensuale nonchalance le spalle…) e in vita. Un alto spacco laterale e la cintura coordinata da annodare ne fanno un capo versatile, ideale in estate come copricostume o elegante cocktail dress, ma bellissimo anche lontano dalle spiagge.

Chi di voi non può fare a meno di aspettare il solleone, può sfoggiarlo su mise hippie style, con jeans e sandali gioiello rasoterra. O la sera, su top e leggings seconda pelle, con tacchi alti. E perfino su pantaloni classici a sigaretta, con pump shoes d’ordinanza e, sopra, una giacca dal perfetto aplomb. Dando così il via a un gioco iper femminile di sovrapposizioni alla maniera di BkiB, eccentrico ma assolutamente chic, per sprizzare gioia e “good vibes” anche nel caos e nella monotonia di città.

La moda ha le spalle scoperte, con grinta!

By | Abiti, trend | No Comments

Com’è bizzarra, la moda! Ci avete mai fatto caso? Pensate, per esempio, alla frase: “Avere le spalle scoperte”. Significa essere particolarmente vulnerabili, trovarsi privi di protezione, di difesa; indica quasi una situazione di pericolo. E allora, come mai i capi più sexy della prossima Primavera/Estate saranno proprio quelli che lasceranno le spalle nude?

Altro che vulnerabili e indifese! Le donne che si (ri)approprieranno di questo trend saranno sicure di sé, inarrestabili e ultra sensuali senza mai cadere nella volgarità. Le spalle scoperte le abbiamo viste sulle passerelle più chic, da Saint Laurent by Anthony Vaccarello a Rochas ad Antonio Marras a Capucci, che le hanno preferite a vertiginosi scolli che si tuffano nel décolleté. Ma quelle che vengono alla memoria prima di tutte sono le spalle nude di una mitica B.B., che negli anni ’60 ne fece il suo punto di forza e che, con i suoi chemisier “off shoulder”, creò il genere “Bardot”, mix sapiente e astuto di sensualità e innocenza.

BkiB non ha resistito al richiamo: d’altra parte, le sue collezioni sono un uragano travolgente di energia, grinta e femminilità allo stato puro. Tra le sue creazioni spiccano bluse che hanno dalla loro parte non solo uno charme sofisticato, ma anche una versatilità straordinaria: scenografiche la sera su gonne lunghe e sottili, di giorno su pantaloni slim o ampi e cropped così come su un paio di jeans e perfino sopra il costume, per un cocktail sulla spiaggia o un pool party esclusivo.

 

 

 

Il tessuto, come sempre, è prezioso: seta stampata a fiori che nulla hanno di vezzoso ma che regalano movimento e, con le loro tinte fuori dall’ordinario, rendono ancora più ricercata la materia 100% made in Italy selezionata da Simona Chiaravalle, anima del brand. Nelle sue bluse, le spalle sono lasciate scoperte da scollature a barca arricciate o impreziosite da un fitto punto smock. Le maniche sono ampie, spesso con bordo scampanato.

Il modello dritto stile tunica o quello che si apre in alti spacchi laterali e prevede un’alta fusciacca con cui strizzare la vita, sono la prova che le donne di oggi non hanno certo bisogno che qualcuno copra loro le spalle: se le coprono (e scoprono) da sé. Con stile.

 

La Flower Therapy di BkiB contro il Blue Monday

By | Abiti, trend | No Comments

C’è un lunedì dell’anno, solitamente il terzo di gennaio, che da oltre un decennio viene definito il Blue Monday, ovvero il giorno più deprimente di tutti. Il calcolo non ha basi scientifiche o matematiche certe, oscilla tra il serio e il faceto, eppure in questa attribuzione c’è un fondo di verità.

Sarà a causa della poca luce invernale, della difficoltà di ripresa dopo le festività natalizie, dello stress dovuto al timore di non farcela a rispettare un numero imprecisato di buoni propositi… Fatto sta che lunedì 15 gennaio sarà il giorno più triste e cupo del 2018. Per molti, ma non per tutti.

Se decidete di non credere a quella che molti ritengono una colossale bufala, allora quel giorno sfoggiate il vostro sorriso migliore, l’umore più positivo, l’abito più gioioso. BkiB ha ciò che fa per voi: un bomber e un gilet che sbocciano in ramage di fiori coloratissimi e lucenti, antidoto perfetto al malumore.

Realizzati entrambi in prezioso broccato di seta proveniente dai migliori tessutai italiani maestri d’eccellenza, sono capi di una raffinatezza estrema. Il bomber di BkiB è un elegante bozzolo lungo a coprire i fianchi, rifinito da bordi in maglia di lurex dorata. Il gilet, altrettanto lungo, è privo di bottoni e si apre in profondi spacchi laterali.

 

 

 

BkiB li ha concepiti non solo per brillare la sera, sopra lunghe gonne di chiffon che sfiorano terra o per dare un tocco di femminilità e verve al più severo dei pantaloni da smoking, ma anche per essere portati di giorno, su jeans e stiletto o su pants maschili abbinati a un sottile dolcevita di cashmere.

Grazie alla Flower Therapy sprigionata dai loro bouquet multicolore e alla speciale luce diffusa dal tessuto, sono in grado di risollevare le sorti della più buia delle giornate. E, perfino, di incantare famigliari col broncio, capi nervosi e colleghe lunatiche. Potere dei fiori. E delle cose belle.

Floral: Anticipate the Spring By Wearing Sophisticated Fantasies

By | Non categorizzato | No Comments

The floral fantasy is regularly a feature of high-fashion creations from Dolce and Gabbana to Gucci. Nature reigns over most of the creations in the Spring-Summer collections, but are not restricted to that season. Even the Fall Winter 2016/2017 collection offered a touch of nature to passionate haute couture fans, making floral elements the undisputed star of the cold winter season.

For those who love to wear simple outfits without giving up a touch of glamour, shoes with natural embroideries are a fun compromise that give personality and uniqueness to your style. Creations from Miu Miu or Laurence Dacade boots use plant motifs, which also always seem to make a plain colored dress dynamic. Flowers are also a great way to enhance a simple outfit featuring jeans and white shirts.

One of the latest fashion trends is also to wear long dresses with a classic cut, such as the creations of Erdem, along with a warm and enveloping coat as well as embroidered, refined, richly-colored bags with natural textures from brands like Gucci, Fendi and Alexander McQueen.

schermata-2016-12-22-alle-17-28-20schermata-2016-12-22-alle-17-28-44

 

The Flowers Bloom on BkiB’s Designs

Originality is the touchstone of Simona Chiaravalle, the creator of BkiB brand. Refined natural textures adorn her oriental kimono, which is embellished with natural patterns and can be worn even during winter. The floral patterns of the kimono appear like crystals on the soft and full- bodied materials, where the colors of the ice stand out from shades of blue, silver and white.

screenshot_2016-12-01-14-18-00

But that’s not the whole story. Not only are there light colors and pastel tones, but the kimono also features bright shades of pink, red and orange that decorate the BkiB kimono with floral textures making it fun to wear during the long winter period.

With a sumptuous BkiB golden kimono you will be ready to amaze anyone with an unexpected brilliance. Its sophisticated embroidery of golden roses gives the design grace and elegance, while offering a delicious a foretaste of spring.