Fiori, colori e l’arte di mimetizzarsi

Mimetizzarsi è un’arte. Ci avete mai pensato? Molti animali si mimetizzano per nascondersi, per difendersi o per attaccare senza essere visti. Camaleonti, polpi, farfalle sono maestri di mimetismo, riescono a confondersi (o forse sarebbe meglio dire “fondersi”) così bene nella natura da beffare il proprio predatore o chiunque li osservi grazie a una particolare capacità di cambiare colore o, anche, di acquisire caratteristiche di altri esseri animali.

E noi? Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, non ha desiderato di potersi mimetizzare, di poter diventare tutt’uno col paesaggio. Non per nascondersi, ma per riconnettersi alla natura, tornare a far parte di essa, dei suoi colori, delle sue forme, delle sue manifestazioni sorprendenti…

Non è un caso se la fotografa e bodypainter Orly Faya stia riscuotendo in Rete un successo stratosferico con i suoi scatti, in cui corpi dipinti diventano una cosa sola con l’ambiente tanto che, spesso, si fatica a distinguerli.

Come lei, anche Simona Chiaravalle, anima fondatrice di BkiB, conosce bene il fascino che emana la natura e la celebra secondo la sua visione da esteta, non con pennelli e macchine fotografiche ma con stoffe e colori, scegliendo sempre tessuti in cui i fiori, le fronde, i petali, i ramage -siano essi naïf o così ben fatti da sembrar veri- sono protagonisti. Si stagliano su pizzi, sbocciano su seta fluida, fanno capolino da damaschi e tessuti operati, esplodono sui broccati…

Provate a indossare l’abito-kimono che ha disegnato per la Primavera-Estate. Lungo alla caviglia, ha uno scollo all’americana, un incrocio che si chiude con velata sensualità sul décolleté, una cintura ispirazione obi e una stampa a esotici disegni cashmere nei toni del rosa carico e del giallo. E poi, con addosso questa meraviglia, recatevi alle mostre floreali ospitate nei giardini più belli d’Italia, che a maggio aprono i loro cancelli a un tripudio di colori e profumi.

 

 

 

 

Al Castello di Masino (TO), ai Giardini del Frontone (PG), ai Giardini Estensi (FE), a Orticola (mostra-mercato milanese di piante insolite e rare tra le più prestigiose a livello internazionale, che inaugura su invito con un dress code che impone cappellini floreali!) vi ritroverete immerse in un paradiso perduto.

Anzi, vestite BkiB vi sorprenderete a sentirvi voi stesse dei fiori, vestite di petali vellutati dai colori gioioisi, di una bellezza raggiante, assetate di sole, protese con orgoglio verso il cielo.

Mimetizzate con le piante e i fiori che vi circondano, ma solo per godere pienamente della bellezza della natura, che vi comprende e vi accoglie. Poi, verso sera, la bellezza non si affievolisce ma si accentua: alla prima brezza, basta infilarsi un kimono di seta damascata percorso da ramage in boccio. Che BkiB propone nelle sfumature della fuchsia, ovviamente!